Premio alla Carriera

Mario Martone

Mario Martone (Napoli 20 novembre 1959) sceneggiatore, regista teatrale e cinematografico. Inizia la sua carriera artistica nel teatro e nel 1976 crea il suo primo spettacolo, Faust o la quadratura del cerchio. Due anni dopo fonda il gruppo “Nobili di Rosa” con Andrea Renzi e Francesca La Rocca, Augusto Melisurgo, Federica della Ratta Rinaldi. Nel febbraio 1979 “Nobili di Rosa” cambia il suo nome in “Falso Movimento” ed entrano a far parte del gruppo anche Angelo Curti e Pasquale Mari. Fra i suoi spettacoli ricordiamo Otello (1982), Coltelli nel cuore (1986) di Brecht, Ritorno ad Alphaville (1986) di Godard. Nello stesso anno, il gruppo Falso movimento si fonde con il Teatro dei Mutamenti di Antonio Neiwiller e con il Teatro studio di Toni Servillo, dando origine a Teatri Uniti. Per questo nuovo gruppo ha diretto differenti opere da Filottete (1987) di Sofocle a Ricardo II (1993) di Shakespeare. Nel 1980 fa il suo debutto come regista cinematografico con un cortometraggio patrocinato dalla Banca di Napoli: Morte di un matematico napoletano (1992). La pellicola, basato sugli ultimi giorni di vita dello scienziato napoletano Renato Caccioppoli, fu elogiata dalla critica e ottenne il premio speciale della giuria nel Festival Internazionale di Cinema di Venezia. Nel 1993 presenta il medio metraggio Rasoi, adattamento dello spettacolo teatrale realizzato nel 1990 nel Teatro Mercadante. Tre anni dopo, esce il suo secondo lungometraggio: L’amore molesto, in concorso al Festival di Cannes e vincitore del David di Donatello. Il suo cinema è ruvido, essenziale. Nel 1997 dirige La salita e nel 1998 il film Teatro di guerra: ispirato alla sua stessa pièce theatralI sette contro Tebe” di Eschilo – una riflessione nella quale i temi più disparati trovano una sintesi concreta (le rivalità fra gente di teatro, i meccanismi del potere, il conflitto bellico che distruggendo Sarajevo). Dal 1999 al 2001 è stato direttore artistico del Teatro Argentina di Roma, arrivando ad essere uno dei protagonisti assoluti della scena sperimentale del teatro italiano (1999-2001). Nel 2001 partecipa alla produzione del lungometraggioUn altro mondo è possibile, con la quale si vuole ricordare i giorni della protesta del G8 di Genova. A partire dal 2003 è co-direttore dell’Associazione Teatro Stabile di Napoli e nel 2004 Martone dirige L’odore del sangue, adattamento di una novella postuma di Goffredo Parise, nella quale si analizza la distruzione di una coppia di culto borghese, marcata per un turbe erotismo. Particolarmente riconosciuto per i suoi successi nel Festival Rossini di Pesaro, è stato il responsabile di una produzione del Teatro Reale, in co-produzione con la Royal Opera House, Covent Garden, di Londres dove ha ottenuto un grande impatto visivo.

 

Filmografia:

 

·        Morte di un matematico napoletano (1992)

·        Rasoi (1993)

·        L’amore molesto (1995)

·        La salita (capitolo de I vesuviani) (1997)

·        Teatro di guerra (1998)

·        Nella Napoli di Luca Giordano (2001)

·        L’odore del sangue (2004)

·        Noi credevamo (2008)